Archivio per LAVAGGIO DEL CERVELLO

Il necrologio che santifica e zittisce chi dissente

Posted in Costume e società with tags , , , , , , on 21 aprile 2017 by carlottavox

Si sà,quando muore qualcuno il caro estinto si trasforma immediatamente in “BUONANIMA”,manco partisse,dalla salma, una sorta di raggio laser di “evoluzione” come i pokemon o i digimon o i super sayan di “DRAGON BALL”.
Poco importa se la salma in questione,in vita,fosse un bastardo o un coglionazzo puccettone di prima categoria:nel momento in cui si decede,anche Adolf Hitler o Pol Pot, dalla categoria “anticristo”, passano immediatamente al rango di “buonanime” e “cari estinti”.
Tutto questo grazie ai prodigiosi poteri dell’ipocrisia popolare,spesso retaggio del cattolicesimo, di chi non valuta e non giudica OBIETTIVAMENTE le persone per ciò che hanno compiuto in vita,ma preferisce valutarli solo alla luce della pietà della morte che,comunque,a tutti tocca(buoni o cattivi).

Ancora differente e più variegato il discorso quando a morire è un personaggio celebre,un VIP:avviene attraverso i media una vera e propria santificazione multimediale che parte dal tg del mattino,passa per svariate puntate della tivvù del pomeriggio e ha il suo zenith nel ricordo serale di Mollica al Tg1.

Nel momento in cui un personaggio importante muore,tutti i suoi peccati vengono lavati, cancellati (ve l’ho detto che è un tutto un retaggio del cattolicesimo…)ed il morto eccellente diventa una semi-divinità che profuma di incenso e violette.
Si tessono lodi e si ricamano necrologi dove la parola “GENIO” viene usata come un AMEN che tutto zittisce e sotterra.

Recentemente Dario Fo,in occasione della sua dipartita,è stato celebrato come un’eccellenza della cultura italiana (personalmente sostengo che anche chi assegna i Nobel può prendere delle colossali cantonate:errare è umano)e lo si è definito un GENIO bacchettatore del potere:lo stesso Dario Fo prima repubblichino,poi compagno ed infine grillino che ha cambiato bandiera nel tempo,a seconda di come variava il vento del potere????
Dario Fo dipinto e celebrato come un alfiere della libertà,della verità e della giustizia,lo stesso Dario Fo che attraverso “SOCCORSO ROSSO” finanziava e difendeva gli assassini terroristi,sostenendo che uccidere dei fascisti non fosse un reato(poco importa che “i fascisti” massacrati fossero studenti di 19 anni come Sergio Ramelli o ragazzini come i fratelli Mattei del rogo di Primavalle)????

Niente di tutto questo è stato rammentato nel De Profundis a Dario Fo:solo celebrazioni,elogi sperticati,OMISSIONI senza la possibilità di poter avere un contraddittorio obiettivo e non di parte.

Io con questo mio post voglio semplicemente dire che NON BISOGNA DAVVERO SANTIFICARE ED INCENSARE NESSUNO!!!Un morto non diventa santo e geniale solo in quanto defunto:rimane sempre una persona e come tale và considerata,nel bene e nel male,senza omissioni di comodo!!!

In questi giorni,ad esempio,è venuto a mancare un personaggio che,nel bene e nel male,ha fatto la storia della tv e della radio italiana:Gianni Boncompagni.
Ora…io lo so che in tanti hanno amato ALTO GRADIMENTO e che per il periodo in cui andò in onda fu sicuramente un momento di rottura con i riti-ritriti dello spettacolo italiano del tempo,ok,però a risentire oggi quelle registrazioni,siete ancora certi che fossero poi cosi geniali???
ATTENZIONE…per me GENIALE è un qualcosa che supera il tempo e lo spazio ed eleva lo spirito…qualcosa che non è MAI datato,non puzza mai di vecchio e profuma di fresco anche a secoli  dalla sua creazione.
Erano poi cosi geniali le pernacchie di Bracardi,analizzate senza il velo della nostalgia di chi le ha vissute con l’orecchio incollato alla radio a transistor degli anni 70?
Scusatemi,non voglio essere irrispettosa,ma tutti voi davvero pensate che tutto quello che ha fatto Boncompagni fosse GENIALE???
La ballerina di Siviglia era geniale??I fagioli da contare nel vaso erano geniali?
Le giovani lolite smutandate in playback erano geniali?
Non vi siete mai sentiti presi per il culo,come spettatori,da tutto questo???

La mia personalissima opinione,opinabilissima e trascurabile ed insignificante,è che Boncompagni abbia fatto trasmissioni radiotelevisive di una stupidità insultante,della spazzatura concepita apposta per prendere in giro il pubblico,che invece di snobbarlo come avrebbe meritato,l ha sempre celebrato come un dissacratore di genio.
Invece di educare il pubblico a qualcosa di più alto (e Boncompagni era indubbiamente persona colta ed intelligente),invece di insegnare qualcosa di culturalmente elevato alla massa (ricordiamoci che dobbiamo la diffusione della lingua italiana alle lezioni tv del maestro Manzi: l’Italia non l ha unita Garibaldi,ma la rai tv) ,invece di far evolvere il gusto dello spettatore medio,Boncompagni ha offerto via etere la lobotomia per potersi rotolare felici nelle feci, come stercorari.
Da “NON E’ LA RAI” in avanti è passato il concetto che per stare in tivvu’ non era più necessario nessun talento e nessuna preparazione professionale adeguata…bastava ammiccare alla telecamera..et voila’.
“NON E’ LA RAI”e successivamente “IL GRANDE FRATELLO” eppoi “UOMINI E DONNE” hanno riempito i nostri schermi di gente assolutamente inadeguata a fare spettacolo,sedicenti SHOWGIRLS e TRONISTI che, senza arte né parte, si sono trovati sotto le luci della ribalta senza merito alcuno (salvo poi uscire di scena in malo modo con un carico di delusioni e dipendenze di vario tipo).
Per me questa non è GENIALITA’,semmai FURBIZIA,abilità,scaltrezza nel saper cavalcare la voglia di disimpegno a proprio uso e consumo..ma non mi parlate di GENIALITA’,per piacere.

Non sempre,soprattutto in Italia,ha successo ciò che VERAMENTE vale ed è portatore di progresso,verità e bellezza e non sempre bisogna credere ai necrologi che incensano e tessono lodi senza possibilità di poter dissentire.

Attenzione a chi ci vuol tappare la bocca ed i pensieri infliggendoci “verità” e tesi preconfenzionate da altri,attenzione perchè il confine tra “opinione diffusa” e lavaggio del cervello è incredibilmente labile.